Videolezioni  

"Letteratura italiana"     

 

 

Indietro  

I materiali possono risalire anche a parecchi anni fa; nonostante ciò i contenuti non risultano affatto obsoleti.

 

Segnalate a [email protected] eventuali problemi ed anomalie

 

Scopi Informare su alcuni snodi fondamentali della storia della nostra tradizione lirica. mettendo in risalto come fenomeni formali apparentemente autonomi, in realtà dipendano strettamente dalla situazione sociale, politica e istituzionale nella quale sono stati prodotti. Contenuti Il ciclo di lezioni sarà destinato allo studio dei primi secoli della poesia volgare in Italia, dalle origini, nei primi decenni del 1200, fino al petrarchismo rigoroso dei primi decenni del Cinquecento. Diciamo, da Giacomo da Lentini, il poeta più rappresentativo della Scuola siciliana, a Pietro Bembo, il regolatore della lingua poetica cinquecentesca. Al centro del discorso, sia dal punto di vista cronologico, sia da quello della loro importanza, si collocheranno Dante e Petrarca. Il corso presenterà le principali linee di sviluppo della tradizione lirica italiana, facendo riferimento costante alle specifiche forme della poesia medioevale e al contesto storico, sociale e culturale. A sostegno saranno letti e commentati numerosi componimenti lirici, con una particolare attenzione riservata a Dante e Petrarca. Testi Bibliografia primaria: oltre ai componimenti citati nel corso delle lezioni (i testi integrali sono pubblicati sul Sito Internet), si richiede la lettura di: Guido Cavalcanti, dalle Rime i componimenti: 1 (Fresca rosa novella), 5 (Li mie' foll'occhi), 30 (Era in penser d'amor quand'i' trovai), 35 (Perch'i' non spero di tornar giammai); Dante Alighieri, dalla Vita Nova i componimenti: 19 (Donne ch'avete intelletto d'amore), 20 (Amor e 'l cor gentil sono una cosa), 26 (Vede perfettamente onne salute), 41 (Oltre la spera che più larga gira); dalle Rime i componimenti: 101 (Al poco giorno e al gran cerchio d'ombra); Francesco Petrarca, dal Canzoniere i componimenti: 6, 22, 23, 35, 50, 62, 70, 126, 142, 159, 194. 234, 264, 279, 282, 317, 366. Bibliografia secondaria: Claudio Giunta, Versi a un destinatario. Saggio sulla poesia italiana del Medioevo, Bologna, Il Mulino 2002 Marco Santagata, Appunti per una storia dell'antica lirica profana, "Nuova Rivista di Letteratura Italiana", IV, 1 2001 [ma 2002], pp. 9-39