Videolezioni  

"Comunicazioni elettriche"     

 

 

Indietro  

I materiali possono risalire anche a parecchi anni fa; nonostante ci˛ i contenuti non risultano affatto obsoleti.

 

Segnalate a [email protected] eventuali problemi ed anomalie

 

Scopi
Il corso Ŕ dedicato ad uno degli aspetti fondamentali della teoria e della tecnica delle telecomunicazioni: la trasmissione dell'informazione da una sorgente ad un destinatario, e si propone di fornire gli strumenti metodologici e concettuali per la comprensione dei problemi di trasmissione e per la corretta interpretazione delle soluzioni che la tecnologia delle telecomunicazioni ha posto in essere, con l'obbiettivo di fornire allo studente la preparazione sufficiente per seguire in modo consapevole i futuri sviluppi delle telecomunicazioni

Contenuti

Il corso Ŕ articolato in quattro parti:

La prima parte Ŕ dedicata alla caratterizzazione e alla modellizzazione delle principali sorgenti di informazione di interesse per le applicazioni di telecomunicazioni; sono trattate sorgenti sia di tipo numerico, sia di tipo analogico, ed in questa parte sono trattati anche i problemi connessi alla rappresentazione di informazioni analogiche in forma numerica.

Nella seconda vengono trattati, a partire da considerazioni fisiche sui meccanismi di generazione del rumore, i modelli pi¨ semplici di canale di trasmissione, con particolare riferimento al canale Gaussiano bianco additivo.

La terza parte Ŕ dedicata allo studio in forma semplificata della trasmissione di informazioni di tipo analogico, sia in banda base sia con tecniche di modulazione analogica; vengono inoltre trattate, con esempi, alcune applicazioni delle modulazioni analogiche.

Nella quarta parte vengono trattati, in forma elementare, i problemi della trasmissione di informazioni numeriche: seguendo un approccio di tipo geometrico viene sviluppata anzitutto la trasmissione di simboli isolati, con la valutazione delle prestazioni, in termini di probabilitÓ di errore, delle principali strutture di segnali; successivamente viene trattata la trasmissione di sequenze di simboli, evidenziando i problemi di interferenza intersimbolica ed analizzando le caratteristiche spettrali dei segnali trasmessi. Dopo alcuni cenni alla codifica di canale, vengono presentati alcuni esempi tratti dalle applicazioni di trasmissione numerica di comune interesse pratico.

Prerequisiti

Argomenti propedeutici, che si suppone siano conosciuti dagli studenti: ProbabilitÓ e statistica: calcolo delle probabilitÓ, probabilitÓ congiunte e condizionate, indipendenza statistica, medie statistiche, variabili casuali discrete e e continue, densitÓ di probabilitÓ e funzione di distribuzione cumulativa, variabili casuali Gaussiane. Elementi di teoria dei segnali determinati: trasformata di Fourier e sue proprietÓ, dominio del tempo e della frequenza, funzione di autocorrelazione e spettro di energia, principio di indeterminazione, trasformazioni lineari Elementi di teoria dei segnali aleatori: processi casuali, stazionarietÓ ed ergodicitÓ, funzione di autocorrelazione e spettro di potenza, teorema di Wiener-Kintchine, trasformazioni lineari di processi casuali