Rita Pavone

 

 

Rita nasce e vive i suoi primi anni in Via Malta, 45, nel Borgo San Paolo di Torino. La famiglia di origine era composta dal padre Giovanni Pavone, un operaio della Fiat Mirafiori di origini siciliane (Asti, 1912Torino, 20 marzo 1990) la mamma Maria, casalinga di origini ferraresi, e i fratellini Piero, Carlo e Cicco.
Rita, terzogenita dei quattro, si iscrive alla prima liceo del Santorre di Santorosa ma, nell'inverno 1959-60, la famiglia si trasferisce alle case operai FIAT di Via Chiala, 19, alle "Basse" di Mirafiori Sud, in un appartamento di tre stanze, bagno e cucina.
Nello stesso periodo, appoggiata e incoraggiata dal padre Giovanni, debutta al Teatro Alfieri di Torino in uno spettacolo per ragazzini dal titolo Telefoniade, e realizzato dall'allora nazionale società telefonica Stipel. È quella la prima volta che Rita si esibisce davanti ad un pubblico vero e non composto da parenti e familiari, e lo fa in due uscite: nel primo tempo, truccata da negretta e con addosso un frac di raso nero nella interpretazione di Swanee, brano reso famoso dal grande cantante statunitense Al Jolson; poi, nel secondo tempo, nei panni di una inglesina in visita alla Città Eterna cantando il brano di Renato Rascel, Arrivederci Roma. Tra la fine del 1959 e l'inizio del 1961 si fa notare esibendosi prima in feste studentesche, poi in alcuni locali torinesi, come "l'Apollo Danze", "La Serenella", "La Perla", l'"Hollywood Dance" o il "Principe", guadagnandosi il soprannome di "Paul Anka in gonnella" grazie alla scelta di un repertorio che prediligeva proprio i brani del famoso cantante canadese.
La vita torinese tuttavia, è molto intensa: la giovane Rita deve aiutare economicamente la famiglia con lavori saltuari presso una camiceria e, allo scopo di ottenere un diploma, si iscrive anche ai corsi festivi dell’Istituto Tecnico Commerciale; i disumani orari di lavoro però, non le consentiranno di proseguire gli studi. Il talento artistico invece, la renderà celebre fino al punto di partecipare alla prima edizione del Festival degli sconosciuti di Ariccia (Roma) nel 1962. Il patron della manifestazione del Festival è il cantante Teddy Reno, che diviene immediatamente il suo pigmalione. Sei anni dopo, i due si sposeranno in Svizzera, dopo una serie di polemiche a causa della notevole differenza d'età tra i due, e soprattutto per il fatto che all'epoca Teddy Reno fosse già sposato civilmente e con un figlio avuto dalla prima moglie Vania Protti. Con Teddy, Rita avrà due figli, Alessandro (1969) e Giorgio (1974). Insieme, risiederanno in Svizzera a partire dal 1968.
Quella vittoria ad Ariccia nel 1962 le procurerà un provino con l'RCA Italiana, vincendo con Moliendo Café ed altri brani del repertorio di Mina, ed ottiene immediatamente un contratto discografico, che la consacrerà al grande pubblico negli anni a seguire.

Elenco delle basi Karaoke disponibili

 
  1. Ahi ahi ragazzo
  2. Alla mia età
  3. Amore Twist
  4. Che mi importa del mondo
  5. Come te non c'è nessuno
  6. Cuore
  7. Datemi un martello
  8. Fortissimo
  9. Geghege
  10. Gira gira
  11. Il ballo del mattone
  12. Il plip
  13. La pappa col pomodoro
  14. La partita di pallone
  15. La pillola va giù
  16. L'esercito del surf
  17. Lui
  18. Mio cuore
  19. Non è facile avere 18 anni
  20. Pippo non lo sa
  21. Questo nostro amore
  22. Qui ritornerà
  23. Solo tu
  24. Son finite le vacanze
  25. Sul cucuzzolo
  26. Supercalifragilistichespiralidoso
  27. Un colpo al cuore
  28. Una notte intera
  29. Zucchero