Ornella Vanoni

 

 

È l'artista femminile italiana dalla carriera in assoluto più longeva: costantemente in attività dal 1956, è considerata una delle migliori interpreti, tra le più note ed importanti, della musica leggera italiana.

Dotata di uno stile interpretativo unico e assai sofisticato, nonché di una timbrica vocale fortemente riconoscibile, che ne caratterizzano la forte personalità artistica, Ornella Vanoni vanta un ampio e poliedrico repertorio che spazia dalle Canzoni della mala alla bossa nova, dal soul al jazz, con particolare attenzione alla canzone d'autore italiana.

I suoi esordi risalgono alla seconda metà degli anni '50, sotto la guida di Giorgio Strehler, di cui era diventata giovane compagna durante la frequentazione dell'Accademia di arte drammatica del Piccolo Teatro di Milano, giungendo alla notorietà come "cantante della mala": Ma mi, Le mantellate, Hanno ammazzato il Mario, divengono brani-simbolo di un filone musicale a metà fra il folk e la canzone teatrale, che Strehler e i suoi collaboratori inventano appositamente per lei.

I suoi primi successi discografici coincidono però con un allontanamento dell'aurea impegnata ed intellettuale che aveva caratterizzato i suoi inizi, in favore di un repertorio più leggero e romantico. Programmi quali Giardino d'inverno e Canzonissima, vedono la "nuova" Vanoni lanciare suggestive canzoni d'amore come Cercami e la celeberrima Senza fine, scritta e dedicatale da Gino Paoli, col quale nel 1960 intreccia un'intensa love story subito dopo il matrimonio con l'impresario Lucio Ardenzi (dal quale nasce il suo unico figlio, Cristiano).

Recita da protagonista ne "L'idiota" di Marcel Achard, "La fidanzata del bersagliere" di Edoardo Anton (che le valgono due prestigiosi Premi San Genesio come migliore attrice dell'anno nel 1962 e nel 1963), e anche in Rugantino, celebre commedia musicale di Garinei & Giovannini con cui debutterà a Broadway nel gennaio 1964.

Nonostante ciò, negli anni successivi la Vanoni tralascia l'attività di attrice, dedicandosi quasi esclusivamente alla carriera discografica e portando al successo brani firmati da Umberto Bindi, Franco Califano, Domenico Modugno, Mino Reitano, Luigi Tenco, caratterizzandosi dunque per una particolare attenzione al mondo dei cantautori (all'epoca in piena ascesa), e ai quali dedica due fortunati e raffinatissimi LP, intitolati Ai miei amici cantautori.

Titoli come Tu sì 'na cosa grande (1º posto al Festival di Napoli nel 1964), Io ti darò di più (Festival di Sanremo 1966), La musica è finita (Festival di Sanremo 1967), Tristezza (1967), Una ragione di più (1969), fanno di lei una delle più quotate interpreti della musica italiana degli anni '60.

Elenco delle basi Karaoke disponibili

 
  1. Abbracciami forte
  2. Alberi
  3. Amore baciami
  4. Che cosa c'è
  5. Conversazione
  6. Dettagli
  7. Domani è un altro giorno
  8. Domani no
  9. Eternità
  10. Fili
  11. Fingere di te
  12. Gente
  13. Gli amanti
  14. Gocce di pioggia
  15. Il mondo nei tuoi occhi
  16. Innamorarsi
  17. Innamorata
  18. Insieme a te non ci sto più
  19. Insieme a te
  20. Io come farò
  21. Io mi fermo qui
  22. Io ti darò di più
  23. La musica è finita
  24. La voglia la pazzia
  25. L'appuntamento
  26. Lontano lontano
  27. Musica musica
  28. Noi le donne noi
  29. Non dirmi niente
  30. Non mi innamoro più
  31. Oggi il mondo vuole amore
  32. Passi e vai
  33. Per l'eternità
  34. Ricetta di donna
  35. Senza fine
  36. Sogni proibiti
  37. Solo un volo
  38. Sto male
  39. Testarda
  40. Tristezza
  41. Una bellissima ragazza
  42. Una ragione di più
  43. Un'estate fa
  44. Un'ora sola ti vorrei
  45. Vai Valentina